Ultima modifica: 28 Gennaio 2017
> Senza categoria > OCCHIO AI PRETI. CHIESA E FASCISMO NELLA ROMAGNA FORLIVESE 1929-1931

OCCHIO AI PRETI. CHIESA E FASCISMO NELLA ROMAGNA FORLIVESE 1929-1931

Allestimento di una mostra, incontri con esperti, visione di film-documentari, partecipazione a cerimonie pubbliche e a spettacoli teatrali, visite a luoghi di testimonianza, collaborazioni con Liceo scientifico ed Enti culturali, apertura di spazi di riflessione. È davvero ampio il ventaglio delle attività che il Matteucci mette in campo per commemorare con degno rilievo la Giornata della Memoria che, pertanto, si trasforma nella “settimana della Memoria”.

Ecco il programma dettagliato delle iniziative.

L’Istituto Tecnico Economico “C. Matteucci” e il Liceo Scientifico “ F. Paulucci di Calboli” – da settembre retti dal medesimo Dirigente Scolastico, Dott.ssa Susi Olivetti – hanno promosso  numerose iniziative  nel periodo compreso fra il 26 gennaio al 16 febbraio in modo da dare vita ad una sorta di Settimana della Memoria. Infatti proprio il 26 gennaio, con le prime visite di classi del Liceo Scientifico, viene inaugurata  nell’Atrio di Ragioneria, Mostra  “OCCHIO AI PRETI. CHIESA E FASCISMO NELLA ROMAGNA FORLIVESE 1929-1931” a cura di F. D’EMILIO E P. POPONESSI. Enti Promotori Archivio di Stato di Forlì-Cesena, Istituto Tecnico Economico “ Carlo Matteucci” e Liceo Scientifico Statale Fulcieri Paulucci di Calboli . I curatori della mostra, che guideranno le visite di diverse classi di entrambi gli Istituti, Sabato 28 gennaionell’Aula Multimediale del Liceo – animeranno anche due incontri, con cinque classi liceali, sul tema “Chiesa, fascismo  e persecuzione  ebraica nella Romagna forlivese” durante i quali, introdurranno gli studenti, a partire dai temi della mostra stessa, alla scoperta del ruolo svolto dai sacerdoti e dai cattolici romagnoli per la salvezza degli ebrei perseguitati. La Mostra, accessibile anche al pubblico esterno, negli orari di apertura della scuola, rimarrà esposta fino a venerdì 10 febbraio, Giorno del Ricordo.

Sempre Giovedì 26 gennaio quattro classi del Liceo parteciperanno, nell’aula multimediale del loro Istituto, all’incontro con G. Zelli, sindaco di Dovadola e noto ricercatore storico, sul tema“Quando i diritti umani erano negati.  Forlì dopo la promulgazione delle leggi razziali: i luoghi della vergogna e quelli della solidarietà”. Venerdì 27, Giorno della Memoria, mentre gli insegnanti di lettere e di religione dell’Istituto “C. Matteucci” proporranno un momento di riflessioni, in tutte le classi attraverso la visione di docufilm, film o la lettura di testi, o l’ascolto di testimonianze su tematiche come la shoah, i genocidi, la violazione dei diritti umani e le emergenze umanitarie, la classe 1° I del Liceo, accompagnata dalla Prof.ssa R. Sintoni, partecipa alla cerimonia commemorativa presso il Monumento ai Caduti nei lager e nei campi di prigionia – Parco della Resistenza di viale Spazzoli con picchetto d’onore e intervento del Sindaco D. Drei.  Nello stesso giorno, presso l’Aula Multimediale del “Fulcieri” e altre quattro classi assistono alla proiezione del docufilm“Wolny -Il Secondo Corpo d’Armata polacco nella liberazione d’Italia” con introduzione storica e dibattito condotti  dallo stesso regista, A. Quadretti. Nel pomeriggio una nutrita rappresentanza di studenti del Liceo assisterà alla conferenza “L’eredità di Auschwitz. La Shoah, tragedia storica e usi politici”, tenuta dal prof. Georges Bensoussan presso il Campus universitario.

Sabato 28 a Ragioneria incontro sull’origine dei conflitti nell’area mediorientale, tenuto da  Massimo Tesei, dell’Associazione FORLÌ CITTÀ APERTA, rivolto a tutte le classi quinte.

Lunedì 30 una ventina di classi dello scientifico assiste, presso il cinema Astoria, alla proiezione del film “Il viaggio di Fanny” della regista Lola Doillon, vincitore del Giffoni Film Festival 2016.

Giovedì 2 febbraio la classe 5C del Liceo e la 5 BAFM  di Ragioneria, in rappresentanza delle rispettive scuole, partecipano – presso il Salone Comunale – alla presentazione del catalogo della mostraStelle gialle. Ebrei della provincia forlivese nella notte fascista” a cura di Franco D’emilio e Paolo  Poponessi. Interviene il Rabbino capo rav. Luciano Caro.

Venerdì 3 febbraio il Dott. M. Saccone  presenta – in chiave multimediale – il saggio storico-letterario (di cui è autore) “Peter Pan è  morto in guerra. La Grande Guerra in letteratura” a quattro classi liceali, mentre il 7 e 9, al “ Matteucci”, per tutte le classi del biennio, è programmato lo spettacolo teatrale“SOGNO E SON DESTO!” di Michele Dotti.

Conclude questa ampia gamma di proposte e iniziative,  il ciclo di incontri  (in data 13, 12, 16 febbraio), che coinvolge complessivamente  3 classi del Liceo e  tutte le quinte dell’ITE, sul tema “Predappio. Antifascismo e Resistenza nella città del duce”. Presentazione del Prof. R. Pasini, coautore del libro “ La fòja de farfaraz (La foglia del Pioppo bianco). Predappio. Cronache di una comunità viva e solidale”. Introduzione storica del Dott. M. Proli.

Completano le proposte rivolte agli studenti del “F.P di Calboli” la visione di filmati in classe e  la partecipazione, il 17 febbraio, di una ventina di alunni del triennio all’incontro testimonianza, promosso dal Comune di Forlì, col Dott. Cesare Finzi  che presenta il libro “Qualcuno si è salvato” con cui  ricostruisce la propria vicenda familiare attraverso una attenta documentazione storica.

Sono previste, inoltre, uscite  all’ex Campo di Fossoli o nelle Foreste Casentinesi  sul “Sentiero della libertà”  e sulle tracce della linea gotica,   nonché alcune visite al Museo Interreligioso di Bertinoro.

Da ultimo va segnalato che la 4F del Liceo Scientifico e la 5 BAFM  dell’Istituto Tecnico Economico inscrivono la loro partecipazione alle attività sopra illustrate nel percorso di studio e di approfondimento connesso con le tematiche  relative ai valori del 25 Aprile, promosso dal Comune di Forlì in collaborazione con l’Istituto Storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Forlì -Cesena.

Lascia un commento

 




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: