Ultima modifica: 30 Novembre 2019
> Senza categoria > IL MUTAMENTO DEI PROCESSI FORMATIVI E I RAPPORTI INTERGENERAZIONALI

IL MUTAMENTO DEI PROCESSI FORMATIVI E I RAPPORTI INTERGENERAZIONALI

L’economista Daniele Checchi incontra gli studenti per dialogare di scuola e disuguaglianze

 

Daniele Checchi è un economista che si occupa di tanti e importantissimi temi sociali: il mercato del lavoro e le dinamiche retributive, i processi educativi e la valutazione delle competenze scolastiche, la disuguaglianza e la mobilità sociale.

Temi che lo studioso ha analizzato con grande competenza, attraverso complesse ricerche  e rielaborazione di una grande mole di dati statistici. Di ciò è dato conto nella vastissima produzione di saggi, articoli e pubblicazioni specialistiche a firma dell’economista.

Attualmente Checchi insegna Economia politica presso l’Università di Milano ed è membro del Consiglio direttivo dell’ANVUR – l’Agenzia Nazionale per la Valutazione dell’Università e della Ricerca.

È dunque motivo di vanto, per l’Istituto Matteucci, l’aver ospitato il Professore che giovedì, 28 novembre, ha tenuto una speciale lezione per gli alunni delle classi 5^ BAfm, 4^ A Rim e 4^ A Sia.

 

L’incontro tra l’economista e gli studenti è stato organizzato dalla Prof.ssa Luciana Pesci, che si è avvalsa della collaborazione dell’Associazione Nuova Civiltà delle Macchine, segnatamente del suo Presidente, Ing. Roberto Camporesi.

La lezione, ricca di riferimenti storici, dati statistici e tabelle grafiche, ha evidenziato il nesso tra il processo di scolarizzazione e la riduzione delle differenze sociali; ha inoltre evidenziato il ruolo delle origini e dell’ambiente familiare nel successo scolastico e nella scelta della tipologia di percorso formativo e lavorativo ma, al contempo ha valorizzato l’impegno scolastico nella determinazione della mobilità sociale e nella conquista di un migliore tenore di vita per se stessi e per i propri discendenti.

Il Professore non ha mancato di sottolineare il ruolo che la Costituzione attribuisce alla scuola nell’affermazione dell’uguaglianza sostanziale.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: