Ultima modifica: 24 Gennaio 2020
> Senza categoria > Il confine orientale, memoria e contemporaneità nello studio della Storia

Il confine orientale, memoria e contemporaneità nello studio della Storia

ITE Matteucci, Liceo Fulcieri, ITIS Marconi, insieme per il Progetto “Memorie di confine”

La Risiera di San Sabba, unico campo di sterminio attivo in Italia, durante la Seconda guerra mondiale, per l’eliminazione di partigiani, detenuti politici ed ebrei; Mussolini che proclama a Trieste, il 18 settembre del 1938, le leggi razziali; l’allestimento del campo profughi di Padriciano per accogliere l’esodo istriano, a partire dagli anni’50.
Ideologie ed eventi che hanno segnato la nostra Storia e che martedì 21 gennaio, sono stati al centro di un evento tenutosi presso la sede dell’Istituto Matteucci.
Una rappresentanza degli studenti di tre scuole forlivesi, Liceo scientifico Fulcieri, ITIS Marconi e lo stesso Matteucci, si è incontrata per presentare e condividere gli esiti di un progetto che ha visto protagonisti gli alunni.

Si tratta di una esperienza didattica altamente formativa che ha portato gli studenti a compiere un viaggio a Trieste e nei territori del confine orientale dell’Italia, per comprende le dinamiche storiche che hanno determinato la mobilità di quel confine e le connesse persecuzioni delle comunità locali.
Gli studenti hanno presentato gli elaborati che esprimono le emozioni e le riflessioni che hanno caratterizzato questo loro viaggio nei luoghi, nella memoria della grande Storia e delle esperienze quotidiane di oscuri protagonisti.
Anna Lorenzi, Andrea Ciani ed Elvis Perlika, Ite Matteucci, hanno commentato il video realizzato da 15 alunni della classe 5^ A Sia. Il video, con un montaggio trascinante di immagini e suoni, ha rappresentato momenti significati del viaggio e, contemporaneamente, ha espresso il dialogo in diretta tra i partecipanti al viaggio e i compagni di classe rimasti a Forlì, un modo per coinvolgerli e renderli partecipi delle esperienze che stavano vivendo.
Rebecca Strada, Eleonora Ramilli, Lolà Solfrini e Daisy Karpati, Liceo Fulcieri, hanno accompagnato il loro video con la lettura di lettere, dal tratto intimistico e toccante.
Le studentesse si sono immedesimate nella vita di perseguitati e profughi e, cogliendo lo spirito dei tempi e le emozioni che animavano le povere vittime, hanno scritto messaggi di saluto e di commiato ai famigliari.

Gli alunni della classe 4^ A Chimici dell’Istituto Marconi hanno presentato due video realizzati, in particolare, da Simone Valentini, Filippo Covino, Giorgia Maiolini, Giorgia Turroni, Mirco Nozzoli, Mattia Masciangelo.
Lo studente Pietro Battistini ha accompagnato la visione dei video con commenti e riflessioni, supportato dai compagni di classe, Giulia Gozzoli, Sara Velia e Filippo Covino, anch’essi direttamente coinvolti nella produzione dei filmati.
Ogni gruppo di studenti ha indagato, con i propri elaborati, il significato di parole-chiave nella comprensione delle vicende storiche e della contemporaneità: Identità, Profugo, Comunità.
Fondamentale per la riuscita del Progetto, il supporto dei docenti che hanno aderito all’iniziativa e coinvolto gli alunni: Marina Padovani, insegnante di Lettere e Storia del Matteucci; Marina Rizzo, Lettere e Storia all’ITIS Marconi e Matteo Merli, Scienze al Liceo scientifico Fulcieri.

L’incontro di martedì scorso ha inoltre visto la partecipazione di Cristina Lentini, presidente di DEINA, l’associazione di promozione sociale di Bologna che realizza sull’intero territorio nazionale percorsi educativi e viaggi della memoria, come “Promemoria Auschwitz”, rivolti ai giovani per promuovere l’educazione alla cittadinanza europea e alla lettura critica della Storia.
DEINA, nel proporre il progetto ha ricevuto il sostegno di due importanti istituzioni culturali, l’Associazione ATRIUM e l’Istituto storico della Resistenza di Forlì-Cesena, i cui esponenti, Prof.Patrick Leech e il Dott. Alberto Gagliardo, hanno presenziato all’evento/incontro di ieri.
Non è mancato il supporto dell’amministrazione comunale, che attraverso la Dott.ssa Patrizia Zenobi, dirigente del Servizio Scuola e Sport, ha portato agli studenti il saluto dell’Assessore Paola Casara.
Ad accogliere studenti, autorità e docenti, la Prof.ssa Stefania Marzocchi, vice Preside del Matteucci e la Dirigente del Liceo Fulcieri, Dott.ssa Susi Olivetti.
I saluti delle autorità, dei dirigenti e dei docenti hanno evidenziato l’opportunità di dare continuità a siffatti progetti, che ben realizzano un più efficace metodo di studio della Storia, che consentono la sperimentazione del lavoro in equipe e del confronto dialettico e, soprattutto, che mirano all’acquisizione dei valori costituzionali del rispetto dei diritti umani e della pace.




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: